Category
Documentary
About This Project

Nel 2009 esplorai con la macchina fotografica ciò che era rimasto dopo la terribile scossa del 6 aprile; a distanza di due anni tornai per indagare sui nuovi luoghi di aggregazione dei giovani del territorio. A distanza di undici anni, sono tornato ad esplorare i luoghi periferici, le numerose frazioni aquilane per raccontare il territorio attraverso la gente, i volti delle persone e le loro testimonianze, quello che ricordano di quel tragico evento, i traumi e le ferite interiori che chissà si rimargineranno mai. Il trauma causato da un terremoto è qualcosa di profondo, legato all’identità delle persone, alle certezze di una vita, a una quotidianità che non esiste più, all’incertezza del futuro. Un’eterna trasformazione, fatta di ricordi, frammenti di luoghi, d’incertezze e di speranze verso un futuro ignoto, lontano ma fatto di gesti quotidiani. Raccontare i luoghi attraverso le storie delle persone, attraverso le radici che le lega a quei territori, porzioni di vita quotidiana legate al presente per immaginare il futuro che non sia un “provvisorio per sempre”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi